è sempre una bella stagione

TEATRO TONIOLO
È sempre una bella stagione

XXXVI Stagione di musica da camera e sinfonica di Mestre 2021/2022

in collaborazione con Associazione Amici della Musica di Mestre
direttore artistico Mario Brunello

È arrivata alla sua 36esima edizione la Stagione di musica da camera e sinfonica di Mestre del Teatro Toniolo, frutto della proficua collaborazione del Settore Cultura del Comune di Venezia con l’Associazione Amici della Musica di Mestre.

La stagione 2021/2022 ideata dal Direttore Artistico Mario Brunello comprende 12 concerti di grande levatura con artisti e formazioni musicali di fama internazionale, insieme a giovanissimi talenti che si stanno imponendo sulla scena musicale. Una stagione ricca e raffinata che anche quest’anno mira a stimolare la curiosità degli spettatori, con inaspettate incursioni e commistioni tra la classica ed alcune tradizioni musicali poco note e sorprendenti.

Per il concerto inaugurale salirà sul palco l’Orchestra di Padova e del Veneto che, in oltre cinquantacinque anni di attività, si è affermata come una delle principali orchestre italiane nelle più prestigiose sedi concertistiche in Italia e all’estero. In programma capolavori di Ludwig van Beethoven a suggello delle celebrazioni per i 250 anni della nascita. Alla direzione ed in qualità di solista due artisti emergenti di grande talento. In collaborazione con l’Accademia Chigiana di Siena, il direttore sarà Cesare Della Sciucca, segnalato al termine dell’ultimo Corso di Direzione d’Orchestra diretto da Daniele Gatti. Solista sarà la giovanissima pianista Maya Oganyan. Nata a Mosca nel 2005, ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di quattro anni. Vincitrice di numerosi concorsi, tra i quali nel 2019 il “Vienna Grand Prize Virtuoso Competition”, si esibisce per la prima volta al Teatro Toniolo, in uno dei suoi primissimi concerti con orchestra.

Il concerto Danilo Rossi & New Gipsy Project è una scelta coraggiosa che unisce generi musicali apparentemente così lontani; uno dei rarissimi esempi in cui un musicista classico di fama indiscussa ed un ensemble rom si fondono in un percorso musicale nel quale le differenze culturali arricchiscono le rispettive esperienze artistiche. Il progetto nasce dall’idea di Danilo Rossi di unire la tradizione musicale gipsy con il repertorio dei grandi compositori romantici e contemporanei che hanno attinto dalla musica folk e dalla tradizione gitana. Un percorso visionario che, partendo dai capolavori classici in un funambolico salto nel tempo, vuole immaginare il momento in cui grandi compositori quali Dvóřak, Brahms, Bartók, Enescu sono venuti a contatto con la musica folk che li ha ispirati.

Il palcoscenico del Toniolo diventa trampolino di lancio per il quartetto d’archi che vincerà (ottobre 2021) la prima edizione del Concorso per Quartetto d’Archi “Pietro Marzani”, organizzato dall’Associazione Filarmonica di Rovereto in collaborazione anche con l’Associazione Amici della Musica di Mestre.

Prima esecuzione assoluta, commissione dell’Associazione Amici della Musica di Mestre, è la pièce teatrale scritta dal veneziano Sandro Cappelletto, critico musicale e storico della musica, interpretata da Ottavia Piccolo, che a Venezia è molto legata, insieme al Quartetto di Venezia. Al centro la figura della cognata di Ludwig van Beethoven, Johanna Reiss, vedova di suo fratello Carl, contro la quale il compositore condusse una feroce guerra giudiziaria per ottenere la tutela del nipote. Lo spettacolo dal titolo L’unico modo di amarlo è rimanergli lontano è il frutto di una elaborata alternanza tra parole e musica, tratta dall’ultima produzione dei quartetti per archi di Beethoven.

Vincitore nel 2015 del Concorso pianistico “Telekom-Beethoven” di Bonn, Filippo Gorini è uno dei più interessanti talenti della sua generazione. Nato nel 1995, ha ricevuto l’anno scorso il “Borletti Buitoni Trust Award”, prestigioso riconoscimento internazionale. In Italia si è esibito tra le altre per il Festival pianistico internazionale di Brescia e Bergamo, l’Accademia Filarmonica Romana, l’Unione Musicale di Torino, la GOG di Genova, la Filarmonica di Trento (dove è “artist in residence”), Ravenna Festival, Bologna Festival, Ravello Festival. Ha debuttato con consenso di pubblico e critica alla Elbphilharmonie di Amburgo, Herkulessaal di Monaco, Tonhalle di Zurigo, Konzerthaus di Berlino, Beethovenfest di Bonn, Fondation Louis Vuitton di Parigi, negli Stati Uniti (Seattle e Portland) e in Canada (Vancouver).

Sara Mingardo, mestrina, è un’interprete molto ricercata ed apprezzata per il suo vasto repertorio. Particolarmente interessante e intensa è stata la sua collaborazione con Claudio Abbado, mentre ha collaborato e collabora regolarmente con i maggiori Teatri del mondo. La sua voce di autentico contralto, unica, brunita e carezzevole, è rarissima per la scena musicale odierna. Il quartetto d’archi non manca mai in una stagione di musica da camera e il Quartetto di Venezia continuerà nella sua esplorazione dei quartetti del compositore veneziano Gian Francesco Malipiero, ma questa volta si farà anche “orchestra” per far risaltare il canto di Sara Mingardo. Due autentiche gemme della nostra Città apprezzate in tutto il mondo.

Per la prima volta al Teatro Toniolo il duo Julia Hagen (violoncello) e Annika Trautler (pianoforte). Nata a Salisburgo nel 1995, Julia Hagen è considerata una giovane solista di grande talento. Si è esibita nelle sale da concerto più prestigiose (tra cui Konzerthaus di Vienna, Tonhalle di Zurigo, Barbican Centre di Londra, Festival di Salisburgo) ottenendo un successo internazionale.
Definita «la pianista tedesca under 30 più interessante», Annika Trautler ha ricevuto l’anno scorso il rinomato “Opus Klassik”. Ha suonato nelle più importanti sale da concerto (tra cui Wigmore Hall di Londra, Wiener Konzerthaus, Palau della Musica di Barcellona, ​​Concertgebouw di Amsterdam, Konzerthaus di Berlino e Dortmund).

Concerto per il 100° anniversario della nascita di Astor Piazzolla sarà quello di Anna Tifu Tango Quartet. La giovane violinista cagliaritana, che suonerà insieme a Massimiliano Pitocco (bandoneon), Romeo Scaccia (pianoforte) e Gianluigi Pennino (contrabbasso), è considerata una delle migliori interpreti della sua generazione e si è esibita presso le più celebri sale da concerto al mondo. Questo concerto rappresenta un percorso emozionante e seducente dal Tango tradizionale fino alle influenze jazz e d’avanguardia di Astor Piazzolla. Un’esperienza artistica in cui il Tango giunge fino alla sua massima evoluzione, trasformato, rivoluzionato. Una produzione frutto di un vero e proprio percorso di ricerca e sperimentazione, fondato sul confronto e l’interazione tra i generi e gli stili.

Prima esibizione al Teatro Toniolo anche per il duo Giovanni Andrea Zanon (violino) e Leonora Armellini (pianoforte). Due giovani talenti veneti che ben rappresentano l’Italia nel mondo. Giovanni Andrea Zanon, vincitore di oltre 30 concorsi nazionali ed internazionali, si è esibito in qualità di solista in Italia, Svizzera, Germania, Polonia, Russia, Austria, Repubblica Ceca, Canada e Stati Uniti. Leonora Armellini ha vinto il Premio “Janina Nawrocka” al Concorso F. Chopin di Varsavia, per “l’eccezionale musicalità e bellezza del suono”, unica italiana premiata nella storia del prestigioso concorso. Ha tenuto concerti in Italia, Polonia, Francia, Inghilterra, Germania, Austria, Svizzera, Repubblica Ceca, Stati Uniti e Giappone.

La solida e preziosa collaborazione con la Fondazione Teatro La Fenice di Venezia si rinnova con un atteso concerto dell’Orchestra del Teatro La Fenice. La storia del Coro e dell’Orchestra del Teatro La Fenice è legata a quella del teatro stesso, centro produttivo di fondamentale importanza che nel corso dell’Ottocento ha presentato prime assolute di opere fondamentali nella storia del melodramma (SemiramideI Capuleti e i Montecchi, Rigoletto, La traviata).

A conclusione della Stagione un insolito e sorprendente viaggio con il Trio Tamayura costituito da Karin Nakagawa (koto), Hans Tutzer (sassofono) e Paolino Dalla Porta (contrabbasso). Karin Nakagawa è nata a Tokyo e a dodici anni ha intrapreso lo studio del raro koto a 25 corde della tradizione giapponese. Oggi è un’affermata musicista internazionale, capace di attraversare frontiere e generi musicali, offrendo performance spesso uniche per intensità ed emozione, risultato di un equilibrio prezioso tra la propria identità culturale ed una continua ricerca artistica. Lo spirito ancestrale di una proposta ricca di emozioni e spirito bohémien sono le sofisticate note etno jazz di questo concerto, dove l’elemento folk nipponico si fonde con le melodie colte europee in un immediato intreccio sonoro. Il Trio Tamayura (espressione poetica giapponese che descrive un breve momento di dissolvenza) costituisce una tappa fondamentale lungo la strada che porta il jazz acustico alle sonorità della musica contemporanea, elaborando la loro world-music mistica, con uno stile essenziale e indie.

Fuori abbonamento il concerto della GOM Giovane Orchestra Metropolitana, diretta da Pierluigi Piran, a coronamento della settima edizione dei laboratori d’orchestra. Il progetto, nato nel 2015 dalla sinergia tra Comune di Venezia, Associazione Amici della Musica di Mestre, Ufficio Scolastico territoriale di Venezia – Rete delle Scuole ad Indirizzo Musicale della Città Metropolitana di Venezia, è rivolto agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado del territorio della Città Metropolitana di Venezia. Un attesissimo appuntamento per avere il piacere di sentire i giovani musicisti che crescono assieme e che vivono la musica d’insieme in una esperienza fondamentale per la loro formazione di uomini e di cittadini.

 

 

Presentazione del Direttore Artistico Mario Brunello

Il futuro è affidato ai giovani musicisti. Potrebbe essere questo il filo rosso che unisce i concerti della nuova Stagione di musica da camera e sinfonica di Mestre del Teatro Toniolo. In questi tempi anche i giovani musicisti camminano su una strada piena di ostacoli improvvisi, inaspettati che mettono a dura prova il loro futuro nell’arte della musica. Ma la passione e il talento li deve far trovare pronti a tenere viva la musica e noi crediamo che la loro energia sia indispensabile per noi e per il nostro pubblico. Così abbiamo mantenuto l’impegno,  rimandato più volte per la pandemia, di affidare l’inaugurazione alla giovanissima pianista veneziana Maya Oganyan con il celebre Terzo Concerto per pianoforte e orchestra di Beethoven assieme all’Orchestra di Padova e del Veneto, diretta dal giovane Cesare Della Sciucca, e alla Prima Sinfonia anche di un giovane Beethoven.

I concerti dedicati ai giovani proseguiranno lungo tutta la stagione alternati a grandi e affermati musicisti presenti sulla scena da tanti anni e apprezzati in tutto il mondo. Così ascolteremo i giovani vincitori del primo Concorso per quartetto d’archi della Filarmonica di Rovereto, Filippo Gorini giovanissimo pianista che sta conquistando fama internazionale con la sua originalità e curiosità musicale, Julia Hagen violoncellista austriaca di grande personalità, Giovanni Andrea Zanon violinista prodigio assieme a Leonora Armellini e naturalmente spazio alla nostra Giovane Orchestra Metropolitana ormai una realtà entusiasmante ed indispensabile nella vita musicale mestrina.

Sarà protagonista di un interessantissimo concerto una donna sconosciuta, ma che ha avuto il coraggio di tener testa a un gigante come Beethoven, si tratta della cognata del compositore Johanna Reiss, madre dell’amatissimo Karl, il nipote che ha portato tanta pena nella difficile vita quotidiana di Beethoven. Una piece teatrale scritta dal musicologo e giornalista veneziano Sandro Cappelletto che sarà interpretata da Ottavia Piccolo assieme al Quartetto di Venezia.

Il Quartetto di Venezia, che quest’anno celebra i quarant’anni di attività, sarà presente una seconda volta in stagione, un sentito e doveroso omaggio a questo straordinario quartetto, ancora assieme a una artista amatissima come Sara Mingardo per un programma raffinatissimo e appagante.

Oltre al consueto e attesissimo concerto dell’Orchestra della Fenice, avremo tre appuntamenti con la musica possiamo dire “vicina” alla musica classica, ma una musica senza la quale la musica classica non potrebbe esistere. Si tratta della musica popolare, elaborata però in diverse forme  da compositori e artisti di tutti i generi. La musica gitana sarà al centro del programma di Danilo Rossi, prima viola della Scala, che ha coinvolto tre musicisti gitani per una serie di musiche originali in dialogo con la classica. Non poteva poi mancare Piazzolla, nel centenario della nascita, con il violino di Anna Tifu e il suo Tango Quartet.  A concludere la stagione il Trio Tamayura, musica Jazz interpretata su uno strumento magico come il koto, strumento che rappresenta la storia della cultura giapponese in un ensemble formato da eccezionali musicisti jazz come il sassofonista Hans Tutzer, il contrabbassista Paolino dalla Porta e la formidabile Karin Nakagawa al koto.

 

 

PROGRAMMA

5 ottobre 2021 ore 19.30

ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

 
Cesare Della Sciucca direttore
 

Maya Oganyan pianoforte

L. VAN BEETHOVEN, Sinfonia n. 1 in do maggiore op. 21, Concerto n. 3 per pianoforte e orchestra in do minore op. 37

 

21 ottobre 2021 ore 19.30

DANILO ROSSI & NEW GIPSY PROJECT

Danilo Rossi viola

New Gipsy Project
Florian Mihai fisarmonica
Marian Serban cymbalom
Nicolae Petre contrabbasso

Musiche di A. DVÓŘAK, J. BRAHMS, B. BARTÓK, G. ENESCU, G. DINICU e brani tratti dalla tradizione popolare rom

 

3 novembre 2021 ore 19.30

Quartetto vincitore del concorso per giovani quartetti d’archi italiani organizzato dalla Associazione Filarmonica di Rovereto (ottobre 2021).

 

16 novembre 2021 ore 19.30

L’UNICO MODO DI AMARLO È RIMANERGLI LONTANO

Ottavia Piccolo attrice

testo e drammaturgia di Sandro Cappelletto

QUARTETTO DI VENEZIA
Andrea Vio violino
Alberto Battiston violino
Mario Paladin viola
Angelo Zanin violoncello

 

7 dicembre 2021 ore 19.30

Filippo Gorini pianoforte

I. STRAVINSKY, Serenata in la
J. BRAHMS, 7 Fantasie op.116
F. SCHUBERT, Sonata in sol maggiore D 894 “Fantasia”

 

11 gennaio 2022 ore 19.30

Sara Mingardo contralto

QUARTETTO DI VENEZIA
Andrea Vio violino
Alberto Battiston violino
Mario Paladin viola
Angelo Zanin violoncello

G. F. MALIPIERO, Quartetto per archi n. 7
J. BRAHMS, Quartetto in do minore op. 51 n. 1
G. MAHLER, I ) Ich atmet’ einen linden Dufeu, II) Blike mir nicht in die Lieder, IV ) Ich bin der Welt abhanden gekommen

 

15 febbraio 2022 ore 19.30

Julia Hagen violoncello

Annika Treutler pianoforte

R. SCHUMANN, Fantasiestuecke op. 73
F. MENDELSSOHN, Sonata n. 1 in si bemolle maggiore op. 45
R. SCHUMANN, Adagio e Allegro op. 70
F. MENDELSSOHN, Sonata n. 2 in re maggiore op. 58



15 marzo 2022 ore 19.30

Giovanni Andrea Zanon violino

Leonora Armellini pianoforte

L. VAN BEETHOVEN, Sonata per violino e pianoforte in la maggiore n. 9 op. 47 “a Kreutzer”
C. FRANCK, Sonata per violino e pianoforte
M. RAVEL, Tzigane op. 76

 

29 marzo 2022 ore 19.30

ANNA TIFU TANGO QUARTET

Anna Tifu violino
Massimiliano Pitocco bandoneon
Romeo Scaccia pianoforte
Gianluigi Pennino contrabbasso

R. SCACCIA, Not Yet
P. DE SARASADE/G. BIZET, Carmen Fantasy
A. PIAZZOLLA, Adios nonino; Esqualo; Michelangelo ’70
R. SCACCIA, Sardinian Tango
A. PIAZZOLLA, Milonga del Angel;  Muerte del Angel; Libertango; Oblivion

 

12 aprile 2022 ore 19.30

ORCHESTRA DEL TEATRO LA FENICE

 

22 maggio 2022 ore 18.00 – fuori abbonamento –

GOM Giovane Orchestra Metropolitana

Pierluigi Piran direttore

 

24 maggio 2022 ore 19.30

TAMAYURA

TRIO TAMAYURA
Karin Nakagawa  koto
Hans Tutzer sassofono
Paolino Dalla Porta contrabbasso

 

 

BIGLIETTI E ABBONAMENTI

ABBONAMENTO
11 concerti

Platea
interi € 192,50
ridotti € 181,50
soci* € 170,50

Galleria
interi € 176,00
ridotti € 165,00
soci* € 154,00

*Amici della Musica di Mestre

 

ABBONAMENTO GIOVANI fino ai 30 anni
11 concerti

Posto unico € 75,00

 

RINNOVO ABBONAMENTI DA MARTEDÌ 21 A MERCOLEDÌ 29 SETTEMBRE

 

NUOVI ABBONAMENTI VENERDÌ 1 E SABATO 2 OTTOBRE

 

BIGLIETTI CONCERTI IN ABBONAMENTO

Platea
interi € 25,00
ridotti € 20,00

Galleria
interi € 20,00
ridotti  € 15,00

 

BIGLIETTI CONCERTO FUORI ABBONAMENTO GOM Giovane Orchestra Metropolitana
Posto unico € 10,00
Abbonati alla Stagione di musica da camera e sinfonica 2019 2020 e Soci Amici della Musica di Mestre € 5,00.

 

VENDITA  BIGLIETTI CONCERTI IN ABBONAMENTO
da DOMENICA 3 OTTOBRE

 

VENDITA  BIGLIETTI CONCERTO FUORI ABBONAMENTO GOM Giovane Orchestra Metropolitana
da SABATO 15 GENNAIO

PREVENDITA ON-LINE
www.vivaticket.it

 

BIGLIETTERIA DEL TEATRO TONIOLO
aperta dal 7 settembre dalle 11.00 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 19.30
lunedì giorno di chiusura
tel. 3497723552

www.culturavenezia.it/toniolo

 

RIDUZIONI
Biglietto e abbonamento ridotti fino ai 30 e dopo i 65 anni.
Ingresso ridotto per i diversamente abili e accompagnatori.
Altre specifiche riduzioni presso la biglietteria del teatro. Particolari agevolazioni sono riservate al pubblico organizzato.
La prevendita del biglietto comporta il pagamento di un diritto, che non viene applicato se l’acquisto avviene il giorno stesso dello spettacolo.

 

PER INFORMAZIONI

ASSOCIAZIONE AMICI DELLA MUSICA DI MESTRE ONLUS
viale Garibaldi 44/A, Mestre
tel. 041 3127493
info@amicidellamusicadimestre.it
facebook Amici della Musica di Mestre

Iscriviti all'Associazione

Partecipa e sostieni i progetti della cultura musicale in città

Abbonati all'emozione

Acquista subito la tua poltrona al centro della grande musica

Scopri chi siamo

La nostra storia e tutte le indicazioni utili a conoscerci meglio